Accordi di Caro il mio Francesco - Ligabue


INTRO: Re  Mim  Fa#m  Sol6   La

   Re                                  
Caro il mio Francesco come vedi ti scrivo
      Mim
e quando uno scrive deve avere un motivo
   Fa#m
il mio è dirti che la tua avvelenata
        Sol6                           La
in questi giorni l'ho consumata
    Re
risulta evidente quanto siam diversi
   Mim
quanto son diversi i tempi del percorso
     Fa#m
ma sono giorni in cui suona più vicina
 Sol6                            La
tutta quella tua incazzatura
    Mim
Sarà che anche qui le quattro del mattino
   Fa#m
sarà che anche qui l'angoscia e un po' di vino
   Sol6    
sarà che non ci posso fare niente
                 La
se ora mi viene su il veleno
                           Re
e allora avanti un altro
                                 Mim
e con quello che guadagni stai muto
                       Fa#m
avanti pure un altro
                                          Sol6                    La
con quello che guadagni sorridi nella foto
  Re
caro il mio Francesco questa lettera ti arriva
    Mim
in un paese piccolo lì sugli Appennini
Fa#m
ho capito forse come mai ci vivi
       Sol6                   La
che tanto ci si sente soli
Re
ci si sente soli per quello che si è visto
    Mim
e poi per tutti quelli che han fatto così presto
Fa#m
a montare su per fare un po' il tuo viaggio
     Sol6                                       La
giurando che per te davano un braccio
     Mim
parlavano di stile, di impegno e di valori
     Fa#m
ma non appena hai smesso di essere utile per loro
Sol6                                                               La
eran già lontani, la lingua avvicinata a un altro culo
                           Re
e allora avanti un altro
                         Mim
almeno chiedi scusa del disturbo
                       Fa#m
avanti pure un altro
                                      Sol6                              La
che se sei lì sarà perchè solo un po' più furbo
   Re
Caro il mio Francesco che conosci un po' i colleghi
    Mim
e forse non a caso vivi lì sugli Appennini
Fa#m
sai quaggiù ce n'è in qualche modo di tre tipi
  Sol6                                 La
bravi artisti furbacchioni e topi
   Re
il topo canta solo di quanto lui sia puro
    Mim
e poi da via la madre per stare sul giornale
   Fa#m
ed è talmente puro che ti lancia merda
    Sol6                             La
soltanto per un titolo più largo
  Mim
e io che il mio disprezzo me lo tengo dentro
         Fa#m
che il letamaio è colmo già pubblicamente
         Sol6
ma quei presunti mi puri
                                             La
mi possono baciare queste chiappe allegramente
                           Re                        Mim
e allora avanti un altro volevi la tua bici pedalare
                       Fa#m
avanti pure un altro
                                             Sol6                          La
rispondere agli insulti è solo bassa promozione
   Re
Caro il mio Francesco abbiamo tanti privilegi
Mim
ma tra questi certo non rientrano gli sfregi
    Fa#m
di chi vuole parlare andando solo a braccio
     Sol6                                   La
di cose di cui non capisce un cazzo
         Re
Non so com'era allora so un poco come adesso
    Mim
o sei il numero uno o sei il più grande cesso
      Fa#m
e il tempo che ti danno è fino al ritornello
   Sol6                                      La
e tante volte neanche fino a quello
        Mim
non c'è peggiore sordo di chi non vuol sentire
     Fa#m
tu pensa a chi non sente e poi ne vuol parlare
      Sol6                                                                         La
ma caro il mio Francesco è già mattina qui mi devo svegliare
                           Re
e allora avanti un altro
                        Mim
ti passo il mio telefono salutami la tipa
                      Fa#m
avanti pure un altro
                                           Sol6                          La
convincila che sono il suo ragazzo per la vita
  Re
Caro il mio Francesco è il momento dei saluti
       Mim
ci avremmo riso sopra se ne avessimo parlato
   Fa#m
lo so che non ha senso starsi a lamentare
        Sol6                                  La
di alcune conseguenze del mestiere
   Re            
E so che mi son fatto prendere la mano
        Mim
perché uno sfogo fa sbagliare spesso la misura
       Fa#m
ma come ti dicevo son le quattro del mattino
Sol6                               La
    l'angoscia e un po' di vino
     Mim
e allora vado avanti a cantare della vita
Fa#m
sempre e solamente per come io la vedo
  Sol6
che la morte se la suona e se la canta
                       La
chi non sa soffrire da solo
                          Re
e allora avanti un altro
                                Mim
qualcuno che abbia voglia di ascoltare
                       Fa#m
avanti pure un altro
                                Sol6                    La
qualcuno che abbia voglia di ballare
                       Re
avanti pure un altro
                                  Mim
qualcuno che abbia il tempo di ascoltare
                          Fa#m
e allora avanti un altro
                                 Sol6                       La    
qualcuno che abbia il tempo di ballare

Re  Mim  Fa#m  Sol6  La    Re

Comments